Skip to main content

La scorsa settimana abbiamo parlato della storia di FTX. Come è successo, come si sono svolti i fatti.

Ma ci sono ancora molte domande. Una delle principali è: come possiamo fare in modo che non si ripeta?

Rispondere a questa domanda è complicato e probabilmente richiede di affrontare il tema della regolamentazione di un settore che da tempo fa della mancanza di regolamentazione una delle sue caratteristiche principali.

È impensabile, soprattutto nel breve periodo, pensare che ogni utente che si avvicina al mondo delle criptovalute abbia le conoscenze e le capacità tecnologiche per conservare e gestire i propri asset digitali in completa autonomia. 

Per questo motivo, ci sarà sempre bisogno di attori centralizzati che offrano servizi di custodia di chiavi private e di acquisto e scambio di token con valuta FIAT.

Queste istituzioni dovranno svolgere il compito di fare da “ponte” tra la finanza e le valute tradizionali e gli asset crypto.
Allo stato attuale del mercato si potrebbero verificare due scenari principali, ma è più probabile che si vada verso uno sviluppo parallelo di entrambi:

  • Aumento della regolamentazione delle società native di criptotecnologia che offrono servizi in modo centralizzato, come gli exchange centralizzati Binance o Coinbase
    Queste stesse società del mondo blockchain, come Coinbase, hanno già chiesto la regolamentazione e l’ammonimento di alcune attività. Le operazioni sono state spesso spostate all’estero a causa di istruzioni poco chiare, perché in quel paese ci sono meno regolamenti, il che permette alle emozioni umane di scatenarsi.

  • D’altro canto, le grandi banche e le istituzioni finanziarie già regolamentate implementeranno sempre più servizi basati sulla tecnologia blockchain e sulle criptovalute.
    Alcune delle challenger bank tecnologicamente più avanzate, come ad esempio Revolut, hanno già iniziato a implementare alcuni servizi di compravendita di criptovalute a livello centralizzato. L’ingresso di queste grandi entità sarà fondamentale per lo sviluppo e la diffusione della tecnologia nel mercato di massa.

Per questo motivo, il nostro obiettivo è quello di aiutare le istituzioni finanziarie a utilizzare la tecnologia Blockchain rendendola facile e intuitiva grazie alla nostra piattaforma di interfacciamento con il mondo web3.0. BlockInvest lavora con asset del mondo reale, già regolamentati da decenni o più.

Le persone si prenderanno ancora una volta gioco delle criptovalute e persino della blockchain. E forse hanno ragione. Queste persone potrebbero disconnettersi e dimenticare le criptovalute per un po’. Ma è ormai chiaro a tutti che la tecnologia blockchain sarà in grado di apportare enormi benefici all’intero settore finanziario e non solo. Non è più una questione di “se”, ma di “quando” questa tecnologia prenderà il sopravvento.


Non ha senso ignorare l’elefante nella stanza o continuare a nascondersi: la regolamentazione del settore è oggi più che mai necessaria, ma che sia fatta in modo intelligente. Dobbiamo avere l’intelligenza e l’umiltà di sederci tutti allo stesso tavolo e scrivere linee guida a “quattro mani” con i regolatori e gli evangelisti delle crypto.